Per un terreno fertile

Sull’inutilità del cervello. O sull’importanza del movimento.

Oggi vorrei parlarvi dell’ascidia, che non è uno dei sette vizi capitali, ma un animale dal corpo a forma di sacco, vivente nel fondo del mare, ermafrodita, che ha la peculiarità di andarsi a cercare il posto dove passerà il resto della sua vita e, una volta individuato, restarci per sempre.

È dotato di un cervello e di un midollo spinale che le consentono di fare alcune valutazioni fondamentali per il suo futuro: che tipo di densità di circolazione sottomarina avviene in quel momento in quel luogo, che temperatura presenta l’acqua, la qualità del cibo. E una volta che ha ottenuto informazioni che l’aggradano, si posiziona nel posto prescelto, che rimarrà sua fissa e immutabile dimora, e si mangia il suo proprio cervello. Sì, sì – ci dice il neuroscienziato Daniel Wolpert – consapevole che il cervello non le servirà più, lo elimina. Il resto della vita, lascerà agire e comandare liberamente il suo secondo cervello, il sistema digestivo.

Una bella lezione per noi umani che tanto ci vantiamo dei nostri maestosi cervelli, e che anzi, abbiamo piuttosto tendenza ad identificarci totalmente con essi, con il nostro io pensante

Secondo il dott. Wolpert, il solo ed unico motivo d’essere del cervello, è il movimento.

Questa osservazione, a cui ho avuto accesso grazie al divertente ed interessantissimo libro di Giulia Enders “L’intestino felice“, apre una serie infinita di disquisizioni mentali (saranno anch’esse una forma di movimento?) sull’importanza fondamentale del muoversi.

Quando si è un albero, ad esempio, e non si ha scelta tra queste due opzioni [nda. muoversi o non muoversi], ebbene, non si ha bisogno di un cervello“. (Giulia Enders)

Mi sembra uno spunto interessante di riflessione sull’importanza del movimento nell’apprendimento. Obbligare dei corpicini (ma anche dei corpicioni) in pieno assorbimento delle leggi della vita, a stare immobili su un banco ad ascoltare cervelli parlanti, è quanto meno, a detta delle ascidie in cerca di fissa dimora, un vero e proprio peccato di accidia.

Maria Montessori abolisce sedie e banchi fissi sui quali inchiodare scolari per anni, e avverte sul fatto che liberare il movimento libera la psiche del bambino. Anzi, la sua critica va oltre:

Un esempio: il banco. Ecco un luminoso esempio degli errori della pedagogia primitiva scientifica materialista […]. Il banco esisteva, laddove si accumulavano gli allievi; venne la scienza… che perfezionò il banco. E per questo, ci si servì del contributo dell’antropologia: si osservò l’età del bambino, la lunghezza delle sue gambe, per modellare la seduta alla giusta altezza; con premura matematica, si calcolò la distanza tra la seduta e il tavolo, per preservare la schiena del bambino dalla scoliosi; si arrivò fino a separare i banchi; si misurarono nella larghezza per evitare che il bambino seduto scivolasse con movimenti laterali e affinché, allo stesso tempo, egli fosse ben separato dal suo vicino; il banco è stato costruito affinché il bambino fosse il più visibile possibile nella sua immobilità: lo scopo occulto di tale separazione era di prevenire gesti di perversione sessuale in piena classe […]”.

“La scienza ha perfezionato i banchi per obbligare il bambino ad un massimo di immobilità […]. Il banco aveva lo scopo di impedire la scoliosi degli allievi! Vale a dire che gli scolari erano sottoposti ad un tale regime che, nati sani, rischiavano una contorsione della colonna vertebrale. La colonna vertebrale, capace di resistere alle più aspre battaglie dell’uomo primitivo e dell’uomo civilizzato, quando combatteva contro i leoni del deserto, quando estraeva la pietra, non resisteva in questo contesto, piegandosi al giogo del banco di scuola!”

“È incomprensibile come la scienza abbia lavorato a perfezionare uno strumento di schiavitù a scuola, senza ricevere la minima illuminante influenza dal movimento di liberazione sociale che si sviluppava altrove “.  (tradotto dalla versione francese “Le développement de l’enfant” p. 16, M. Montessori).

Dai sottofondi marini ci arriva quindi il monito a fare in modo che il nostro cervello abbia davvero ragion d’essere, restando in movimento e, certamente, lasciando ai nostri bambini la possibilità di svilupparsi armoniosamente, mens sana in corpore sano. Nella consapevolezza che questo non esclude in nessun modo di poter scegliere, in certi momenti, di stare fermi, di assaporare il silenzio come spazio di libertà tra un movimento e l’altro.

 

Per un terreno fertile

No a premi e punizioni, lo dicono i toltechi!

Generalmente non rileggo mai due volte lo stesso libro, ma ieri ho trovato abbandonato sull’autobus “I quattro accordi. Guida pratica alla libertà personale. Un libro di saggezza tolteca“. Vista la natura dello scritto, mi sono detta che non doveva trattarsi di un evento fortuito, bensì di un esoterico calcolo del destino che mi mandava un messaggio pregno di senso. Così, vista la cospicua durata del mio tragitto nel traffico, mi sono immersa nella lettura, acconsentendo alle indicazioni del Caso.

Non si tratta di un testo di pedagogia, eppure, con un approccio e parole diverse, è stato curioso ritrovare vari temi di cui ho parlato nei miei articoli precedenti. Primo tra tutti, la dannosità dell’uso delle punizioni e ricompense nell’educazione dei nostri bambini. Nel post “Mamma! Non mi dire che sono bravo!” Perché gli elogi non sono salutari” faccio essenzialmente riferimento al punto di vista di Alfie Kohn, lo approfondisco grazie ai contenuti di Jesper Juul in “Autostima e fiducia in se stessi“, e continuo il percorso di ricerca citando qui Don Miguel Ruiz. Continue reading “No a premi e punizioni, lo dicono i toltechi!”

Per un terreno fertile

Il segreto per trascorrere una fantastica giornata in famiglia

È domenica. Fuori c’è il sole. Il profumo delle magnolie e il cinguettio degli uccellini vi fa auspicare che questa sarà una giornata idillica, per tutti i piccoli e grandi membri della  vostra famiglia. Una di quelle giornate che riconciliano col mondo, con la fatica della genitorialità, degli impegni di lavoro, del poco tempo da condividere con le persone che amate.

Oggi avete organizzato una serie di attività divertenti e sorprendenti, un pranzetto da primo premio al concorso di cucina e siete di ottimo umore: ne siete convinte, sarà una fantastica giornata in famiglia.

Peccato, ci dice la psicoterapeuta francese Isabelle Filliozat, nella sua conferenza “Crescere i bambini nella gioia“, svoltasi questo mercoledì a Bruxelles, che ci sia un errore di valutazione di partenza, in questa grande aspettativa domenicale: sarà una fantastica giornata, ma per chi? Continue reading “Il segreto per trascorrere una fantastica giornata in famiglia”

Libri meravigliosi

Mi vorrai sempre bene mamma? Un albo illustrato da leggersi e rileggergli/le.

Mi vorrai sempre bene, mamma? “. Questo libro è meraviglioso. L’unico difetto dell’averlo scoperto è l’ansia che mi prende, se penso che potrei non trovarne mai più uno che mi faccia emozionare così. Astrid Desbordes (autore) e Pauline Martin (illustratore) hanno confezionato un gioiellino prezioso per condividere coi nostri piccini, ancora e ancora, momenti di quotidiana dolcezza. È consigliato a partire dai 3 anni, ma il mio pupetto lo sceglie già a 16 mesi, forse per le illustrazioni semplici di una mamma col figlio ed i colori senza sfumature, netti senza essere vivaci (rosa, giallo, grigio, azzurro, rosso, nero e bianco si ripetono con giochi speculari, a completarsi e richiamarsi cromaticamente). La narrazione è di una semplicità che più non si può, quella semplicità in cui genitori e figli possono incontrarsi.Mi vorrai sempre bene2

Il piccolo Arcibaldo chiede alla sua mamma prima di addormentarsi: “Mi amerai per tutta la vita?”. La mamma avrebbe potuto rispondergli “Certo”, spegnere la luce e farne il libro più corto della storia. E invece no. Prende il tempo per elencargli uno per uno i momenti in cui lo ama, aggiungendo sempre qualcosa in più, e proiettando, in un ping-pong tra parole e immagini, il lettore altrove, lì dove batte il cuore.

Solo un esempio, perché proprio non mi va di rovinarvi la sorpresa della lettura e le numerose chicche ironiche, poetiche, filosofiche che queste paginette offrono al lettore: “Ti amo quando sei il più bello” (Arcibaldo è tutto agghindato per un matrimonio),  ci mostra la pagina di sinistra… e dirimpetto “E quando sono l’unica a vederlo” (Arcibaldo a casa con la varicella).

Da oggi è il mio libro preferito nella libreria condivisa col mio bambino. Vi auguro che emozioni voi quanto me. E se avete una lettura che vi ha toccato tanto quanto questa lo ha fatto con me, vi prego!, ditemi quale, che qui bisogna contrastare l’ansia da “non proverò mai più la stessa cosa per nessun altro…

Libri meravigliosi

La mia lista dei libri da leggere e raccontare ai nostri bambini

In seguito al post Favole da paura o paura delle favole? Ovvero: le storie devono spaventare i nostri bambini?, mi è stato chiesto quali fossero per me le favole che non fanno paura, che avessi voglia di leggere o raccontare ai pargoli che mi stanno intorno. Per rispondere a questa domanda, creo in questa pagina, nella categoria già esistente dei “libri meravigliosi“, una lista che arricchirò di volta in volta con le mie proposte.

Le mie “storie che non fanno paura”:
Continue reading “La mia lista dei libri da leggere e raccontare ai nostri bambini”

Semi di meraviglia: parole al vento

Icaro e l’uccellino. Un tradimento letterario.

Io tradisco. I miti greci. Sì, ce ne sono alcuni che amo moltissimo, se non fossero sempre marchiati da scene di violenza gratuita, vendette spietate, punizioni intergalattiche, morti efferate. Qui, il mio gioco letterario, ossia come racconto il mito di Dedalo ed Icaro al mio bambino. Puristi astenersi.

Continue reading “Icaro e l’uccellino. Un tradimento letterario.”

Libri meravigliosi

Il buco. Un libro sul sentimento della mancanza. Vuoti che diventano pieni.

Il buco è un libro colorato, visualmente frizzante, pieno di spazio per gli occhi dei bambini. Eppure parla di sofferenza. Quella sofferenza che a tutte le età proviamo quando ci sentiamo diversi, quando abbiamo perso qualcosa o qualcuno di importante, quando sentiamo un vuoto inspiegabile, una mancanza incolmabile.  Continue reading “Il buco. Un libro sul sentimento della mancanza. Vuoti che diventano pieni.”

Per un terreno fertile

La ricerca del piacere, un ostacolo alla felicità?

Sono inciampata su alcuni articoli e conferenze di un signore americano, Robert Lustig, il cui cognome mi fa un po’ sorridere: tradotto dal tedesco vuol dire “divertente”… Sign. Divertente… (lo so, è facile – irresistibile – ironia da parte mia, ma che pressione portare un cognome così, soprattutto nei giorni di luna storta…). Se poi si prende solo la prima parte “Lust”, senza la desinenza, sempre in tedesco, si ottiene la parola “piacere”. Sarà il destino iscritto per lui da generazioni, ad aver spinto questo endocrinologo infantile a concentrarsi sul piacere ed i suoi effetti?

Continue reading “La ricerca del piacere, un ostacolo alla felicità?”

Libri meravigliosi

Il gabbiano Jonathan Livingston. Un’infinita idea di libertà.

Sul molo Sud di San Benedetto del Tronto (AP) si erge una statua. Poca materia. Giusto un cerchio, con uno stormo di gabbiani sulla parte bassa della circonferenza e uno solo, che si libra, in alto: il gabbiano Jonathan. L’anello, sottile, è riempito dallo sguardo del passante, di cielo e di mare.

Continue reading “Il gabbiano Jonathan Livingston. Un’infinita idea di libertà.”