Semi di meraviglia: parole al vento

Ci sono ancora.

Quest’anno sto scrivendo proprio poco. Il tempo per condividere mi manca sempre più, eppure ho avuto un’accelerazione nell’apprendimento grazie a fatti contingenti quali la collaborazione con una scuola materna montessoriana, la ricerca per questi bambini di un approccio pedagogico che confacesse ad entrambi, la scoperta del gioco destrutturato, la richiesta di alcune associazioni di proporre il mio lavoro ai loro bambini, la formazione in linea con Paolo Mai sull’educazione in natura e i tre giorni di osservazione e condivisione nell’asilo del bosco di Ostia Antica, ricerche sulla gioia (gioia di vivere, gioia di imparare, gioia di educare), approfondimenti e letture a non finire (grazie anche alla collana sul Metodo Montessori uscita quest’anno, che ha riempito il mio scaffale di innumerevoli “da leggere”, e il mio comodino di “letti”).

Questa vastità di materiali mi esalta più che darmi ansia, ma mi risulta più difficile convogliare le mie letture nei post per un diverso approccio mentale che dall’assorbimento porti alla produzione. Ho qualche post comunque in cantiere. Appena riesco, mi metto all’opera.

Ecco, se ci fosse in etere qualcuno che mi seguisse e si stesse chiedendo che fine abbia fatto o semmai codesto blog abbia esaurito il suo tempo, volevo giusto rispondere che no, più che esaurito, è in fase di digestione.

A presto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...