Per un terreno fertile

Il litigio come risorsa

Qualche anno fa, durante un corso settimanale di teatro per bambini (8/9 anni), mi sono trovata a gestire l’equilibrio di un gruppo messo a dura prova in particolare da un bambino che presentava comportamenti molto violenti, anche in situazioni serene di gioco, in assenza di apparente conflitto. La sala a mia disposizione aveva una scaletta che dava accesso ad un piccolo spazio raccolto. Ebbi l’idea di invitare i partecipanti a rendersi in quello spazio, ogni qual volta ci fossero stati problemi da risolvere. Non avevo un’idea precisa in testa, la situazione si era creata spontaneamente. Eppure fu un’esperienza estremamente interessante. Tentai di mantenere, in quello spazio, un ruolo il più neutro possibile. I bambini esprimevano il loro disagio, si giustificavano, cercavano delle soluzioni collettive per il futuro. Arrivammo a disegnare su un grande foglio delle nuvole, sopra ogni nuvola una regola del buon vivere insieme. Purtroppo non ricordo più nel dettaglio, ma rimasi stupita di come fossero capaci di fare delle vere proposte, alcune espresse in modo più poetico di quelle abitualmente concepite dal mondo adulto, ma nessuna usciva da una logica che io potessi non condividere.

Anni dopo, apprendo di scuole democratiche come quella di Summerhill, che hanno messo in pratica sistemi di autogoverno in cui i bambini di qualsiasi età hanno il diritto di espressione a tutti gli effetti e sono attori della costruzione delle leggi e della gestione della comunità. Non parlerò ora di questo, per mancanza di una vera conoscenza sulla materia.

La riflessione che voglio portare oggi è invece concentrata più sul ruolo e le competenze che l’adulto dovrebbe possedere, per creare questo spazio di libertà nel quale il bambino si senta libero e competente nella partecipazione alla vita democratica della comunità di cui fa parte.

Nel mio lavoro con gli adolescenti, ho avuto recentemente la fortuna di approfondire lo strumento delle discussioni filosofiche, in cui il ruolo del moderatore è molto sottile e, trovo, difficile: saper mettere completamente da parte le proprie idee per diventare un perno generatore di domande; essere in grado, quando la discussione lo richiede, di proporre interrogativi che hanno lo scopo di creare nuove riflessioni, nuove domande, di poter lanciare lo sguardo curioso del pensiero in zone alle quali altrimenti non si avrebbe avuto accesso, senza dare lezioni, ma indicando solo la direzione, la porta, la possibilità, il dubbio, il desiderio di esplorazione dialettica e dialogica.

Attualmente cerco di praticare questa difficile ginnastica nelle occasioni che il mio lavoro mi offre, ma gli incontri e le esperienze recenti, mi richiedono di andare più lontano nello studio di questa figura, da competenze multiple e un po’ misteriose, in grado di creare le condizioni ideali affinché le persone possano comunicare nel modo più costruttivo possibile. Penso in particolare, per interesse personale, alle situazioni di conflitto tra bambini.

Il caso mi ha fatto capitare in mano il libro Urlare non serve a nulla. Gestire i conflitti con i figli per farsi ascoltare e guidarli nella crescita, nel quale ho trovato alcuni spunti interessanti per avanzare in questa direzione. E’ stato scritto dal pedagogista Daniele Novara che nel 1989 ha fondato il CPP (Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti).

La prima riflessione che ha attirato la mia attenzione, per banale che possa essere, è l’accettazione del conflitto come momento di crescita. La famosa famiglia del Mulino Bianco, sarebbe ai suoi occhi sospetta e certamente portatrice di problemi irrisolti. Daniele Novara condanna la sovrapposizione che viene fatta tra il concetto di conflitto e quello di violenza. Trattandoli come sinonimi, si veste il conflitto di una negatività che invece non possiede, perché laddove la violenza distrugge, il conflitto, dal latino cum- (con) e fligere (urtare), fa incontrare (per quanto questo incontro/scontro sia carico di una specifica ed intensa emotività).

Leggo a pagina 123:

“Il conflitto è una questione di manutenzione relazionale. E’ nel conflitto che possiamo scoprire e riconoscere le nostre capacità di vivere e accettare le differenze altrui, che possiamo accettare l’opposizione per cogliere altri punti di vista, per immaginare nuovi esiti e individuare accordi più efficaci. La violenza, come la guerra, è esattamente il contrario: un movimento che rifiuta l’altro, eliminatorio del contrasto”.

La violenza tende ad eliminare il problema, mentre il conflitto ha il coraggio di passarci attraverso. E questo cammino, se lo si accoglie come normale “manutenzione relazionale”, ci arricchisce e arricchisce la relazione, andando a pescare più in profondità nella comprensione dei bisogni dell’altro (e di se stessi).

Una tale considerazione del conflitto cambia profondamente l’atteggiamento che da persona esterna si può avere nell’osservazione, ad esempio, di due bambini che litigano. In genere c’è un rifiuto, un invito a non entrare in conflitto, a comportarsi “bene” (quando i bambini vanno d’amore e d’accordo sono etichettati come “bravi”). Eppure, ogni litigio è una risorsa. Talvolta l’intervento esterno è proprio del tutto inutile, perché i bambini (soprattutto se intorno hanno esempi di adulti che sanno litigare) approfittano di questi momenti per allenare le loro competenze ad entrare in conflitto. Talvolta (e sottolineo talvolta) l’accompagnamento dell’adulto può aiutarli, come nel caso delle discussioni filosofiche di cui parlavo sopra, a farsi le buone domande e a trovare la strada migliore per attraversare questo momento.

Daniele Novara propone il metodo maieutico, adatto ai bambini tra i 3 e i 10 anni, che lui riassume con “due passi indietro e due passi avanti“.

“Per riuscire ad attivare veri processi comunicativi tra chi litiga, occorre restarne fuori”,

per far ciò, l’adulto che mi piace chiamare “facilitatore” non deve mettersi alla ricerca del colpevole (ergersi a giudice), né fornire soluzioni al litigio (i bambini sono in grado di farlo da soli). Non si cerca di trovare la risposta esatta, ma di permettere ai presenti di sviluppare la capacità di gestire la situazione. L’adulto potrà allora, dopo questi passi indietro, proporre i due passi avanti: far parlare tra loro del litigio (ribadisco, tra loro, non con l’adulto giudicante) e favorire il raggiungimento di un accordo. Per farli parlare tra loro, molto semplicemente, si propone di invitare i litiganti a fornire all’altro la propria versione dei fatti.

“L’efficacia di questo passaggio non dipende dalla correttezza della versione che i figli danno del litigio ma è meramente organizzativa. Quello che conta è che si sforzino di parlarsi, di ascoltarsi, di rispettare le diverse posizioni dei fratelli o degli amici e compagni, non che dicano esattamente la verità! Il genitore è responsabile di questo importantissimo atto di reciprocità divergente”.

In genere, una volta che i bambini si sono spiegati, riescono il più delle volte a trovare un accordo, ad “individuare un atto di autoregolazione”. Questo può anche manifestarsi con la rinuncia di uno dei due litiganti, che non deve essere interpretata come una debolezza.

“Spesso la capacità di rinunciare richiede competenze e risorse interiori che invece chi non ha saputo cedere non ha ancora acquisito”.

Resta importante, nel facilitatore, il saper restare a debita distanza e l’umiltà di capire che nella maggior parte dei casi il suo intervento non sarà necessario. Lasciare ai bambini lo spazio di discussione e di confronto, saper dire, quando cercano di mettere in mezzo l’adulto: “questa è una questione che potete risolvere da soli”, dar loro fiducia, permetter loro di sviluppare la capacità di confrontarsi senza caricare la conflittualità di emozioni negative, lasciar loro costruire ricordi positivi legati al litigio (a come si è stati più o meno serenamente capaci di affrontarlo e a come ci si è sentiti dopo averlo attraversato). E’ inoltre fondamentale che il facilitatore sappia capire quando la sua presenza è effettivamente utile; coltivare la consapevolezza che se i bambini sono stati accompagnati adeguatamente, se hanno imparato a litigare, il suo intervento può dissolversi, deve farsi da parte per lasciar il bambino risolvere le sue questioni relazionali con i diretti interessati.

C’è un altro libro dello stesso autore, nel quale andrò certamente a curiosare, che dal titolo si concentra proprio sull’acquisizione di queste competenze Litigare fa bene. Insegnare ai propri figli a gestire i conflitti, per crescerli più sicuri e felici.

Nel frattempo, penso sia arrivato il momento di rispolverare Le parole sono finestre (oppure muri). Introduzione alla comunicazione nonviolenta per l’ascolto attivo e Genitori efficaci. Educare figli responsabili per l’applicazione di questo ascolto nella relazione adulti/bambini.

Particolarmente in questo periodo di confinamento, buon litigio a tutti.

2 risposte a "Il litigio come risorsa"

    1. Grazie, il libro di Novara che cito (urlare non serve a nulla) tratta n realtà anche degli adolescenti, ma spiegando le esigenze diverse rispetto a quelle dei bambini. Avevo trovato molti spunti interessanti anche in Faber & Mazlich. Non ho ancora letto il loro libro specifico sugli adolescenti ma avevo assistito ad una conferenza che riassumo in https://tanaliberapertutti.com/2019/11/17/le-sei-tappe-per-una-relazione-sana-coi-nostri-figli-secondo-a-faber-e-e-mazlish/

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...